19.12.2014 Concerto di Natale in Cattedrale dell'Istituto San Gabriele

Download
Venerdì 19 dicembre programma del concerto
Programma Concerto 19-12-2014 (1).pdf
Documento Adobe Acrobat 529.3 KB

Concerto di Natale nella Chiesa Cattedrale di Porto e Santa Rufina –La Storta - Roma

 

 

 Si è accesa di luce, nei giorni dell’avvento, la Cattedrale di Porto e Santa Rufina, alla presenza di S. Ecc. Rev.ma il Vescovo di Porto e Santa Rufina, Mons.Gino Reali, del parroco della parrocchia dei Sacri Cuori di Gesù e Maria Don Adriano, di Don Maurizio Ventura Direttore e Preside dell’Istituto San Gabriele e di un folto pubblico, per alzare al cielo le voci del Coro dell’Accademia Filarmonica Romana, magistralmente diretto da Mons. Pablo Colino, Prefetto della Musica della Basilica di S. Pietro in Vaticano.

 Il concerto corale è stato organizzato e offerto alla comunità parrocchiale, agli alunni e alle famiglie del vicino Istituto San Gabriele e ai suoi docenti, aperto, comunque, a tutti dallo stesso Istituto, che ha sede a pochi passi dalla Cattedrale dall’anno del Grande Giubileo del 2000, dopo che dal 1929 era ubicato su Viale dei Parioli 16.

 Il programma  era articolato in canti spagnoli, argentini, italiani e uno tedesco e dalle melodie canore più celebri del Santo Natale come quelle scritte dal grande santo Alfonso Maria De Liguori.

 Il maestro Mons. Pablo Colino, noto e apprezzato nei cinque continenti, ha diretto, ancor meglio guidato e condotto il coro fino a toccare le vette dell’espressione più intensa come pure a scendere a volumi appena sussurrati, modulandene le armonie e i contrappunti, ora alternando le voci chiare a quelle scure, ora fondendole in un fascio di note omogenee e senza sbavature.

 Una direzione peraltro tanto partecipata e sicura quanto regolare e classica fino ai forti e alti finali.

 Mons. Pablo Colino ha così mostrato, ancora una volta, d’aver formato i suoi coristi come una sola voce dalle mille sfumature, come quando, per esempio, volgeva le spalle allo stesso coro, certo che la sua preparazione e le tante prove ed esecuzioni avevano dato alle voci i tempi giusti, i toni esatti e i volumi proporzionati.

 Il pubblico è parso incantato e poi trascinato nell’atmosfera musicale, provocato felicemente nel sentire così ancor più vicina la ricorrenza della nascita di Dio Incarnato, del Signore Gesù e della dolcezza della Santa Vergine Maria, obbediente e devota all’Annuncio salvifico.

 Mons. Pablo Colino ha poi avuto l’intelligenza di illustrare con poche ma coinvolgenti parole ognuno dei canti, lasciando così spazio alla fantasia degli ascoltatori che vi ritrovavano scene sacre o momenti di evangelica fantasia.

 Il bis si è chiuso con una nota di danza spagnola, che è all’origine del tango argentino, sì da dare al momento più alto delle voci un indirizzo di  d’omaggio al caro e amato pontefice Francesco I.

 Gli applausi fragorosi degli spettatori/ascoltatori hanno chiuso felicemente la serata e tutti, dopo i saluti reciproci e gli auguri per il Santo Natale, sono tornati a casa con la speranza di un secondo incontro canoro.

 

                                                       Alberto Manodori Sagredo

                                Decano del Corpo docenti dell’Istituto San Gabriele