CORO POLIFONICO SANTAROSA

Venerdì 15 marzo u.s., nella nostra Chiesa Cattedrale “Sacri Cuori di Gesù e Maria”, il Coro Polifonico Santarosa ha eseguito il recital “PASSIO CHRISTI” con meditazioni sulla passione del Signore lette dal Parroco Don Adriano Furgoni.

Con questa esecuzione il Coro Polifonico Santarosa ha dato inizio al tour pasquale 2013 che lo porterà ad esibirsi in diverse parrocchie della nostra Diocesi, oltre che nel Circolo Ufficiali della Marina Militare.

Alla manifestazione hanno partecipato numerosi fedeli della parrocchia che hanno decretato, con lunghi applausi, il grande successo della manifestazione.

Il Parroco, ringraziando il Maestro Antonio Barbagallo per la disponibilità dimostrata anche in questa occasione, si è complimentato per l’alta professionalità e bravura dimostrata nell’esibizione da tutti i componenti il Coro.

Al termine dell’esibizione il Parroco ha guidato un momento di preghiera per il Ministero Petrino del Santo Padre Francesco, recitando il “Cantico delle Creature” e la “Preghiera Semplice” di S. Francesco di Assisi e la preghiera di S. Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù, “Suscipe”; al termine il Coro ha cantato nuovamente “Anima Christi”.

La serata si è conclusa con un momento di agape fraterna.   

Storia del Coro

Costituitosi nel 2001, il coro, trae il nome dal comprensorio di Santa Rosa (la Storta - ROMA) dove vivono gran parte dei suoi coristi. Si propone lo studio e la diffusione della polifonia vocale a cappella (cioè senza accompagnamento di strumenti) nei suoi vari generi: sacra, profana, classica, leggera e popolare. Si compone di amatori del canto che insieme condividono esperienze in ambito musicale, culturale e sociale. Ha partecipato a varie rassegne polifoniche e ha tenuto numerosi concerti presso associazioni musicali riscuotendo, ovunque, unanimi consensi. Nel Dicembre del 2005, presso la Basilica di San Pietro in Vaticano, ha animato, alla presenza di S.S. Benedetto XVI, la S.S. Messa con la partecipazione di altri cori e delle bande militari. Dal 2007 realizza, nel periodo pasquale, il Recital "PASSIO CHRISTI" "Meditazione sulla Passione del Signore" con grande successo di pubblico e di critica che negli anni ha toccato più volte le città di Roma, Viterbo, Rieti e importanti centri periferici laziali e che è stato trasmesso con molte repliche dal network televisivo TELEPACE. Con la collaborazione della stessa emittente televisiva, nel 2009 ha realizzato una Videoclip "Il Vecchio e il Bambino" di Francesco Guccini nell'arrangiamento di Andrea ARNABOLDI. Nel Maggio del 2009, al Teatro del Comando della Marina Militare di Roma, ha partecipato alla rappresentazione teatrale "CIURI DI MAGGIO", spettacolo di beneficenza per SPES CONTRA SPEM. Nel Dicembre 2010, ha preso parte con più esibizioni alla XXI Edizione della Grande Musica in Chiesa organizzata dalla famosa "Rivista delle Nazioni". Tra le varie collaborazioni artistiche si ricordano in particolare quelle con la prestigiosa Banda Musicale della Marina Militare Italiana, con l'attrice Fatima SCIALDONE e la Sabina Wind Orchestra di Rieti. Iscritto all'Associazione Regionale Cori del lazio (A.R.C.L.), dal 2002 organizza la rassegna polifonica nazionale "JUBILATE DEO" che si svolge ogni anno durante il periodo natalizio. Sin dalla sua fondazione è diretto dal M° Antonio BARBAGALLO.

PASSIO CHRISTI

" Meditazione sulla Passione del Signore"

 

Coro: "CRUCEM TUA" – Gregoriano

Lettore: La santa Passione del Signore, narrata dal Vangelo, penso che sia tanto impressa nei nostri cuori, cosi che la meditazione diviene come una visione. La vera fede ha questa capacità: far partecipare spiritualmente a quei fatti, ai quali uno non è potuto essere fisicamente presente. La passione di Cristo deve essere per noi una causa di gioia molto più che di tristezza.                                        (S. Leone Magno, Sermo LXX, 1 )

 

Coro: "SIGNORE DOLCE VOLTO". Hassler/J.S.Bach (1685-1750)

 

Lettore: Si avvicinava la festa degli Azzimi, chiamata Pasqua e i sommi sacerdoti e gli scribi cercavano come toglierlo di mezzo, poiché temevano il popolo. Allora satana entrò in Giuda, detto Iscariota, che era nel numero dei dodici. Egli andò a discutere con i sommi sacerdoti e i capi delle guardie sul modo di consegnarlo nelle loro mani. Essi si rallegrarono e si accordarono di dargli del denaro. Egli fu d'accordo e cercava l'occasione propizia per consegnarlo loro di nascosto dalla folla. (Luca 22, 1-6)

 

Coro: "PRENDI LA MIA VITA". Tradizionale Ebraico 1ª parte

 

Lettore: Il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese il pane e dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: "Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me". Allo stesso modo,dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: "Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me".         (1 Cor.12, 23b-25)

 

Coro: "ANIMA CHRISTI". Marco Frisina

 

Lettore: Gesù, alzati gli occhi al cielo disse: "Padre, è giunta l'ora, glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te. Poiché tu gli hai dato il potere sopra ogni essere umano, perché egli dia la vita eterna a tutti coloro che gli hai dato. Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio e colui che hai mandato, Gesù Cristo".

 

Coro: "MISERERE" - Antonio Lotti (1666 - 1740)

 

Lettore: “Io ti ho glorificato sopra la terra, compiendo l’opera che mi hai dato da fare. E ora, Padre, glorificami davanti a te con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse. Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dato a me ed essi hanno osservato la tua parola. Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato, vengono da te, perché le parole che hai dato a me io le ho date a loro; essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscite da te e hanno creduto che tu mi hai mandato. Quand’ero con loro, io conservavo nel tuo nome coloro che mi hai dato e li ho custoditi; nessuno di loro; nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si adempisse la Scrittura. … E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano come noi una cosa sola. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mondo sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me”.           (Gv. 17,1 …26)

 

Coro: “POPULE MEUS” – G.P. da Palestrins (1525-1534)

 

Lettore: I Giudei condussero Gesù davanti a Pilato e incominciarono ad accusarlo. Insistevano a gran voce; chiedendo che fosse crocifisso e le loro grida andavano sempre crescendo. Sicché Pilato decretò che fosse fatto secondo le loro richieste. Mise quindi in libertà Barabba, che per una sedizione e un omicidio era stato messo in carcere e che essi reclamavano e abbandonò Gesù alla loro volontà. Allora presero Gesù ed egli, portato la croce, si avviò verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Golgota, dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall’altra e Gesù in mezzo.

 

Coro: WERE VOU THERE? – Spiritual

 

Lettore: Stavano presso la croce di Gesù, sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa e Maria di Magda. Gesù allora, vedendo la madre ed accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: “Donna ecco tuo figlio”. Poi disse al discepolo: "Ecco la tua madre!”. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.

 

Coro: "STABAT MATER". Zoltan Kodaly (1882.1967) 1ª parte

 

Lettore: Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era ormai compiuta, disse per adempiere alla scrittura: “Ho sete”. Vi era lì un vaso pieno d’aceto; posero perciò una spugna imbevuta d’aceto in cima ad una canna e gliela accostarono alla bocca. E dopo aver ricevuto l’aceto, Gesù disse: “Tutto è compiuto”. E, chinato il capo spirò.

 

Coro: "STABAT MATER". Zoltan Kodaly (1882.1967) 2ª parte

 

Lettore: Dopo questi fatti, Giuseppe d’Arimatea, che era discepolo di Gesù, ma di nascosto per timore dei Giudei, chiese a Pilato di prendere il corpo di Gesù.

Pilato lo concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Gesù. Vi andò anche Nicodemo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e portò una mistura di mirra e d’aloe di circa cento libre. Essi presero allora il corpo di Gesù, e lo avvolsero in bende insieme con oli aromatici, cme usava seppellire per i Giudei. Ora nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo nel quale nessuno era stato ancora deposto. Là dunque deposero e motivo della preparazione dei Giudei, poiché quel sepolcro era vicino.

 

Coro: "PRENDI LA MIA VITA" -Tradizionale Ebraico 2ª parte

 

Lettore: Nel giorno dopo il sabato, Maria di Magda si recò al sepolcro di buon mattino, quand’era ancora buio, e vide che la pietra era stata ribaltata dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava e disse loro: “Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!!!. Uscì allora Simon Pietro insieme all’altro discepolo e si recarono velocemente al sepolcro. Correvano insieme tutti e due ma l’altro discepolo corse più velocemente di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Chinatosi vide le bende per terra, Ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide le bende per terra ed il sudario, che gli era statro posto sul capo, non per terra con le dende, ma piegtao in luogo a parte. Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per prima al sepolcro e vide e credette. Non avevano ancora compreso La Scrittura, che Egli cioè doveva resuscitare dai morti.             (Gv. 20,1-8)

 

Coro: “SANCTUS BENEDICTUS” - Giuseppe Sarti (1729-1802)   

Programma

Preghiere di S. Francesco

Cantico delle Creature

 

Altissimu, onnipotente, bon Signore,
tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione.
Ad te solo, Altissimo, se konfano,
et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie, mi' Signore, cum tucte le tue creature,
spetialmente messor lo frate sole,
lo qual'è iorno, et allumini noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de te, Altissimo, porta significatione.
Laudato si', mi' Signore, per sora luna e le stelle:
in celu l'ài formate clarite et pretiose et belle.
Laudato si', mi' Signore, per frate vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
per lo quale a le tue creature dài sustentamento.
Laudato si', mi' Signore, per sor'aqua,
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si', mi' Signore, per frate focu,
per lo quale ennallumini la nocte:
ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte.
Laudato si', mi' Signore, per sora nostra matre terra,
la quale ne sustenta et governa,
et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.
Laudato si', mi' Signore, per quelli ke perdonano per lo tuo amore
et sostengo infirmitate et tribulatione.
Beati quelli ke 'l sosterrano in pace,
ka da te, Altissimo, sirano incoronati.
Laudato si', mi' Signore, per sora nostra morte corporale,
da la quale nullu homo vivente pò skappare:
guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;
beati quelli ke trovarà ne le tue sanctissime voluntati,
ka la morte secunda no 'l farrà male.
Laudate e benedicete mi' Signore et rengratiate
e serviateli cum grande humilitate.

 

Preghiera Semplice
(Preghiera attribuita dalla tradizione a san Francesco)

 

Signore, fa di me
uno strumento della Tua Pace:
Dove è odio, fa ch'io porti l'Amore,
Dove è offesa, ch'io porti il Perdono,
Dove è discordia, ch'io porti l'Unione,
Dove è dubbio, ch'io porti la Fede,
Dove è errore, ch'io porti la Verità,
Dove è disperazione, ch'io porti la Speranza,
Dove è tristezza, ch'io porti la Gioia,
Dove sono le tenebre, ch'io porti la Luce.
Maestro, fa che io non cerchi tanto
Ad esser consolato, quanto a consolare;
Ad essere compreso, quanto a comprendere;
Ad essere amato, quanto ad amare.
Poiché, così è:
Dando, che si riceve;
Perdonando, che si è perdonati;
Morendo, che si risuscita a Vita Eterna.

Galleria di Foto

Date del Tour del Recital 2013

15 MARZO 2013 ORE 20:30

CHIESA CATTEDRALE

SACRI CUORI DI GESÙ E MARIA

VIA DEL CENACOLO, 45

LA STORTA (RM)

 

17 MARZO 2013 ore 19:00

CHIESA SAN SEBASTIANO

VIA DELLA STAZIONE DI CESANO

CESANO (RM)

 

21 MARZO 2013 ore 21:00  

CIRCOLO UFFICIALI MARINA MILITARE

"CAlO DUILlO"

LUNGOTEVERE FLAMINIO ROMA

 

22 MARZO 2013 ORE 21:00

CHIESA PARROCCHIALE

SANT'EUGENIO

PIAZZA EUGENIO TISSERANT 

I TERZI - CERVETERI (RMI

 

24 MARZO 2013 ORE 19:30 

PARROCCHIA SACRO CUORE DI GESÙ

VIA DEI FIORDALISI, 14

LADISPOLI (RM)

 

5 APRILE 2013 ORE 20:30

CHIESA

S. MARIA IN CELSANO

PIAZZA S.MARIA DI GALERIA. 3

 

Internet:

www.coropolifonicosantarosa.it

www.arcl.it (Vetrina Cori Associati – Provincia Roma)